Tabella Inail e Tabella Inps

Domande e risposteCategoria: Invalidità civileTabella Inail e Tabella Inps
Emilio ha scritto 6 anni fa
Buongiorno dottore ho un problema con l’assicurazione delle poste,in relazione al sinistro che ho aperto con loro per il riconoscimento dell’estinzione di un mio debito bancario causa invalidità permanente.
l’inps mi ha riconosciuto invalido permanente con percentuale dell’ottanta per cento VERBALE DI ACCERTAMENTO
DELL’INVALIDITA’ CIVILE, DELLE CONDIZIONI VISIVE E DELLA SORDITA’
(ai sensi dell’art. 20 della Legge 3 agosto 2009 n. 102)
25/3/2013 25/3/2013
13/2/2013 3930588809896 Invalidita’ Civile Dati del verbale ASL: Anamnesi del verbale ASL: PRECEDENTI RICONOSCIMENTI : ANAMNESI : IC
2008 CON 50% PER SINDROME APNEE NOTTURNE CON NECESSITA CPAP. OBESITA’.
IPERTENSIONE ARTERIOSA. SPONDILOARTROSI CERVICALE CON DISCOPATIE. RICOVERO NCH
ALESSANDRIA 12/2012 PER FRATTURA PATOLOGICA L3 TRATTATA CON ARTRODESI L2-L4 IN
ESITI DI NEFRECTOMIA DESiTRA DA NPL T2NOM1 IN TRP IMMUNOLOGICA
Esame obiettivo del
verbale ASL: ORIENTATO TS. DEAMBULAZIONE LIMITATA. PORTA BUSTO
Altra documentazione sanitaria: .
ESITI FRATTURA PATOLOGICA L3 TRATTATA CON ARTRODESI L2-L4 IN ESITI DI NEFRECTOMIA
DESTRA DA NPL T2NOM1 IN TRP IMMUNOLOGICA. SINDROME APNEE NOTTURNE CON
NECESSITA CPAP. OBESITA’. IPERTENSIONE ARTERIOSA. SPONDILOARTROSI CERVICALE CON
DISCOPATIE.
7105
7010
9323 189
27801
71858 l’assicurazione copre dopo il sessanta pere cento
ma il testo al quale fa riferimento è la tabella inail allegato 1 al dpr 30.06.1965 nr 1124
che non prevede neoplasie e neanche il blocco del rachide lombare ma solo perdita del rene con percentuale 25 per cento e quindi non vuol saldare il mio debito con la banca.
vorrei sapere se ha fronte di una invalidità dell’ottanta per cento riconosciuta dall’inps possono fare riferimento ad una legge obsoleta del 1965 per evitare di coprire il sinistro Ringrazio per cortese risposta.
1 Risposte
Dott. Silvio Savoia ha risposto 6 anni fa
Caro Emilio,
non confondere la tabella INAIL con quella INPS. In ogni caso, penso che tu meriti quanto chiedi.
Ti consiglio di rivolgerti ad un buon medico legale della tua zona per far valere le tue giuste ragioni.
Cordialmente
Dott. Silvio Savoia