Malattia professionale o invalidità civile?

Domande e risposteCategoria: Malattie professionaliMalattia professionale o invalidità civile?
Anonimo ha scritto 6 anni fa

Salve, mi chiamo Paula Greti Pirna, abito in provincia di Toscana. Siccome da quasi 3 anni soffro di forti dolori alla schiena, dopo tante rx e rmn mi anno trovato l’anno scorso una protrusione discale l4-l5, scoliosi dorso lombare, spondiloartrosi, coxartrosi bilaterale. In lavoro che lo svolto fino al anno scorso e di operaia nel settore di presepi o articoli per presepe. Ho inchiodato cappane con la pistola a pressione, ho fatto un po di tutto quello che si fa li: muschiare le cappane, tufare nel mordente (arriva un camion pieno, e poi ti devi sbrigare), insugherare, scatolare, cioe tutto. Tuti questi movimenti sempre su e giu, con cappane di diverse misure hanno provocato questi miei dolori. Guardando su internet ho visto che l’ernia discale e la spondiloartrosi sono considerate delle malattie professionali e sono andata con appuntamento gratuito tramite patronato. Ma come sono andata cosi sono tornata a casa, unica cosa che mo ha detto e che avendo solo 5 anni da quando lavoro, pochi non mi accettano di sicuro la domanda. Ho girato in questi anni 4 fabbriche che facevano i presepi,io ero quella che sostituivo le loro ragazze che rimanevano incinte. Dopo un anno che non avevano piu bisogno di me mi licenziavano. E cosi via. Per questo l’anno scorso dallo stress mi sono caduti cappelli, ho soferto di alopecia acuta da quale sono guarita dopo 6-7 mesi. Ho 35 anni. Insomma ho lavorato, mi sono rotta la schiena al lavoro nel freddo, ho subito tante parole brute da parte dei capi, da tutte le parti dove sono andata a lavorare, ora faccio fatica a trovare lavoro, comunque la stagione dei presepi e quasi finita. Quel dottore mi ha detto di fare la domanda per invalidita civile, che posso fare? Vado avanti con invalidita o ho qualche chance con la malattia professionale da un altra parte, lui non ha guardato neanche le mie malattie, ma expediato subito. Grazie per lo sfogo aspetto la sua risposta.
Paula