Ernia discale come malattia professionale

Domande e risposteCategoria: Malattie professionaliErnia discale come malattia professionale
Anonimo ha scritto 7 anni fa

Buongiorno, sono Roberto, ho 41 hanni e lavoro dal 1991 nella grande distribuzione. Un anno fa in seguito a problemi alla schiena, ho fatto dei controlli dai quali e’ risultata un ernia L5-S1 e due vertrebe schiacciate. Siccome ho lavorato dal 1991 al 2000, (poi ho chiesto il trasferimento al punto vendita perche’ iniziavano i problemi di salute) nel deposito smistamento merci, come carellista e preparatore merci, ho chiesto visita INAIL, che mi a riconosciuto 16 punti invalidita’, riconoscendo la malattia professionale. Due mesi fa’, ho iniziato ad avere dolori al collo, ho fatto la RM colonna cervicale ed e’ risultata, a livello C5-C6 ernia discale posteriore mediana, a livello D1-D2 ernia posteriore mediana-paramediana e a livello C6-C7 protusione laterale con riduzione altezza disco. Le volevo chiedere se visto che facevo il carellista e quando si e’ su quei mezzi si e’ continuamente esposti a vibrazioni, si alza spesso la testa al massimo verso l’alto per posizionare le pedane, si possono ricondurre anche questi problemi al lavoro, visto che io non ho mai avuto problemi di salute, ed ho sempre avuto una corretto stile di vita. Al lavoro ci hanno fatto una sola visita (molto sommaria), circa 20 anni fa’, nella quale non avevo problemi di salute. Secondo lei ci sono i requisiti per la malattia professionale? Grazie.
Roberto C.