Endometriosi

Anonimo ha scritto 8 anni fa

Ho 35 anni nel 2007 mi è stata diagnosticata un endometriosi pelvica, pleurica polmonare. Dopo un susseguirsi di pnx spontanei almeno 5 tutti drenati si decide di intervenire chirurgicamente con l’asportazione di varie cisti endometriosiche dalle ovaie e resezione polmonare destra con abrasione di vari focolai andometriosici. Da questo momento in poi viene indotta una menopausa con analoghi alternati alla pillola presa senza pausa. Nel 2009 mi sottopongo a stimolazione ormonale nella speranza di una gravidanza, tentativo fallito e collasso polmonare. Viene posizionato nuovamente un drenaggio per alcuni giorni e indotta menopausa per circa quattro mesi . Giugno 2009 siamo alle solite dispnea fitta al fianco dx altro pnx sempre drenato, vado avanti con i soliti farmaci soppressivi che da una parte tengono la malattia sotto controllo ma dall’altra creano tutti i disturbi che può dare una menopausa e non parlo solo fisici ma anche psicologici. Settembre 2010 collasso polmonare nel giro di una settimana ho due pnx , mi viene applicata provvisoriamente una valvola di non ritorno che permette all’aria di entrare ma non di uscire e di conseguenza riesco a respirare normalmente. Finalmente intervento chirurgico: viscerolisi resezione bassa di retto resezione di cisti endometriosica ovarica, ileostomia. Toracoscopia: talcaggio polmonare. Trascorso qualche mese ritento una stimolazione ormonale per una gravidanza che non solo da esito negativo ma che soprattutto danneggia il polmone perché riattiva i focolai di endometriosi, mi viene detto che non potrò avere una gravidanza. Per me avere il ciclo mestruale significa compromettere la funzionalità dei polmoni e di conseguenza correre il rischio….Detto questo, visto che l’endometriosi non viene considerata malattia invalidante, nel mio caso ho diritto a una forma di esenzione da tiket o un invalidità e in che percentuale. Ogni mese spendo per acquistare la pillola che non uso come anticoncezionale ma come “cura” per questa patologia oltre a tutte le radiografie di controllo. Ringrazio chi mi potrà dare delle risposte e fare chiarezza sul perché questa patologia non è considerata invalidante.
Mariasole

0 Risposte
Dott. Silvio Savoia Staff ha risposto 8 anni fa

Cara Mariasole,
non è l’endometriosi che ti può invalidare, ma le sue conseguenze sullo stato generale e gli esiti chirurgici dei vari interventi chirurgici praticati. E’ pertanto il caso che ti faccia seguire da un buon medico-legale presso la locale commissione per gli Ivalidi Civili e lì potrai essere valutata ed eventualmente esentata dal pagamento dei tickets sanitari.
Cordialità.